Playrino – sono grosso, come faccio?

Reveal more

Playrino – sono grosso, come faccio?

Playrino la rubrica che tutti leggono ma alla quale solo i più coraggiosi mettono like.
Salve a tutti campeggiatori, camperisti e campanari, è il Rinoceronte che vi parla, è arrivato il momento del nostro, stretto, spazio dedicato alla sessualità, agli hentai e agli ecchi. PlayRino, è  casa di scambi, non gli scambi che credete, ma scambi di opinioni. Una sorta di sfogo e punto di riflessione per voi lettori. Una posta del cuore? No. Rimaniamo sul tema sessualità, e scrivetemi: rinoceronte@nientedadire.it verrete pubblicati in forma anonima e riceverete una mia risposta, non come un qualche tipo di guru che sa chissà che cosa, ma come un confidente con la vostra stessa voglia di imparare e scoprire. Il vostro dubbio diventerà uno spunto per crescere insieme.

Rino, maestro di vita.
Mi rivolgo a te perché mi trovo in una situazione difficile e mi sembra che l’unico che possa aiutarmi sei tu. Sono pazzo di una ragazza, talmente bella da essere surreale, io invece sono bello grosso e insicuro, a differenza di te che nonostante la stazza hai comunque fascino.
Ora parlando sinceramente, ti ho sempre stimato, ti seguo da talmente tanto che ti considero quasi un’amico.
Devo dichiararmi, sono arrivato al limite, però non ci riesco, ho sempre il timore che il mio aspetto influenzi troppo una sua eventuale “decisione”, tantè che avevo pensato di farlo tramite un messaggio, ma non so perché, ho la paura di sentirmi un po’ codardo.
Tu cosa mi consigli? è sbagliato farlo tramite un messaggio oppure devo farlo di persona? troppe volte ci ho provato e altrettante volte sono rimasto a bocca chiusa.

Direttore, grazie per l’attenzione e per l’eventuale consiglio

Ciao Joliet, ho deciso di chiamarti Joliet anche se sei un maschio perchè è il nome di mezzo di Jake Blues, del grande Belushi.
Prima di risponderti, un piccolo passo indietro, Joliet.
Prima di cominciare questa carriera mi sono cimentato nel Cosplay, ne ho fatti solo tre, ma sai quanto è difficile trovare personaggi coruplenti e “cool” nello stesso momento?
Eliminati Joliet, Babbo Natale e Bud Spencer, rimane davvero poco.
Così sono diventato Marco Pagot, Porco Rosso, Jason Voorhess e Paul Bunyan, un taglialegna gigante delle leggende americane. Se avete dubbi cercate il cortometraggio animato della Disney.

Ecco dove sono finito per cercare un personaggio della mia stazza e, nello stesso momento, non una macchietta in stile Chunk dei Goonies.
La nostra cultura associa l’essere grossi con l’essere imbranati. Questa convinzione funziona in entrambi i sensi, perchè se le persone credono questo si comporteranno di conseguenza e, di rimando, i grossi diventeranno più insicuri e fragili.
Io non mi sento il “maestro di vita” di nessuno, non mi sento fascinoso o carismatico, parlo delle mie esperienze e cerco di analizzare attraverso di esse ciò che mi circonda.
Sono onorato comunque delle tue parole e ti ringrazio per avermi scritto.

Il problema al quale ti riferisci mi ha governato per tutto il liceo, mi ha dominato e fatto perdere molte occasioni. Dichiararti per messaggio è la cosa peggiore che tu possa fare a mio avviso.
Facendolo potrebbe sembrare che non tieni abbastanza a lei da rischiare, metterti in gioco, affrontare le tue paure.
Lei sarebbe portata a immaginare che tu sia dominato dalla paura. Quello che posso dirti, e che con me ha funzionato, è insistere. Non con la ragazza ovviamente, ma con te stesso. Se non sarà interessata, troverai qualcuna che lo è. Non devi lasciarti guidare dalle tue insicurezze, perchè altrimenti le trasformi in realtà. Essere grossi non ti ferma dal poter essere padrone della tua vita, ma il primo ad esserne convinto devi esser tu.

Agisci in un modo e gli altri ti vedranno in quel modo.

Aspetto le vostre lettere e nel caso vogliate parlare con me vi aspetto su instagram o in libreria con il mio libro a tema sessualità con altre vicende come questa: “Il Corno del Rinoceronte

Lascia un commento

Previous post Editoriale: segni sui muri
Next post Tre motivi per NON smettere di giocare