Serena Riglietti, la magia a tutto tondo

Reveal more

Serena Riglietti, la magia a tutto tondo

Nata a Pavia nel 1969 (anche se da quando ha 10 anni vive e lavora a Pesaro), Serena Riglietti è attiva con successo dal 1994 ed è nota al grande pubblico soprattutto per le sue copertine di Harry Potter, di cui è stata la prima illustratrice italiana nel 1998 con alcuni dettagli come le assenze della cicatrice in fronte e degli occhiali… ben prima che si conoscessero gli sviluppi dei libri successivi e le inevitabili influenze dei film hollywoodiani (i quali non sempre sono coinvolgenti come le illustrazioni). Come disse il direttore Luigi Spagnol alla Salani, “L’incontro di un segno così mediterraneo con una letteratura, come quella per l’infanzia in generale e del fantasy in particolare, che invece è principalmente nordica” era perfetto.

In realtà in oltre vent’anni di carriera ha pubblicato oltre cento libri per editori italiani e stranieri (Regno Unito, Germania, Stati Uniti, Brasile, Taiwan, Giappone e altri ancora), illustrando anche la famosa serie pubblicata in tutto il mondo da Usborne Publishing con protagonista Pipkin, un pinguino davvero curioso.

È stata invitata più volte come illustratrice al Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna e i suoi lavori sono stati esposti in numerose mostre personali in Italia e altri Paesi, manifestando il suo apprezzamento per il lavoro dei colleghi: “Umanamente mi piacciono tutti gli illustratori solo per il fatto che hanno scelto di fare questo mestiere. Mi considero parte di una categoria importante, che svolge un lavoro molto prezioso e spesso poco gratificante,  per questo la mia simpatia è per tutti quelli che continuano a farlo lo stesso”.

Anche per uscire dall’isolamente del proprio studio dove lavora, Serena ha iniziato un’esperienza ormai decennale come art director per Mediabooks della collana editoriale Divertimappe: guide dai contenuti culturali e turistici che si rivolgono a un pubblico di famiglie con ragazzi, pubblicazioni cartacee e app interattive per smartphone e tablet che le hanno procurato diversi riconoscimenti, ricevendo nel 2014 il Primo Premio per il miglior prodotto editoriale divulgativo istituito da E.N.I.T. alla Fiera Internazionale del Libro di Francoforte. In particolare è stata sua l’ideazione e la cura editoriale di Mapptogo, una app per far conoscere le bellezze dell’arte italiana ai viaggiatori di tutto il mondo.

Da 15 anni insegna Disegno per l’Illustrazione presso l’Accademia delle Belle Arti di Urbino, dove lei stessa ha studiato e mosso i primi passi: anche questo è un’ulteriore occasione per allargare sempre più gli orizzonti.

Per i più curiosi, è davvero imperdibile il suo racconto della corsa al reparto maternità per il suo primo bimbo il 1° settembre 2003 (proprio mentre stava spedendo con corriere espresso la copertina per l’Ordine della Fenice: recuperatelo e leggete com’è finita!) nel bel catalogo Skira della mostra “Harry Potter & Co. L’arte fantastica di Serena Riglietti” che nel 2007 l’ha portata allo scoperto.

Lascia un commento

*

Previous post Signor Einstein, ci porti fuori!
Next post Esploratori di mondi virtuali