ArtStation

Reveal more

Tutti in stazione con Alyssa Sermidi

Bentornati, signore e signori, all’Art Station!

Eccoci finalmente al primo appuntamento di quest’anno con un illustratrice di passaggio dalla nostra stazione; chiediamo subito il biglietto ad Alyssa Sermidi.

Come si è preparato al viaggio?

Agguantando tutto ciò che è a portata di mano e tralasciando ciò che è da cercare al di fuori di un metro: viva la pigrizia!
Scherzi a parte, adoro le partenze e tutto quello che ne consegue, ovviamente.
Ognuno ha un suo modo di prepararsi a qualche cambiamento o viaggio ed io sono in continuo movimento.
Ho frequentato un liceo artistico a Milano dove, per fortuna o sfortuna, ho seguito l’indirizzo audiovisivo e multimediale. Ciò mi ha permesso di portare avanti ed intraprendere non solo la mia passione per il disegno ma anche quella per la fotografia.
Adesso sono all’ultimo anno di un corso di visual design improntato all’illustrazione, quindi alla formazione di nuovi illustratori, e non vedo l’ora di iniziare!

Quali sono i bagagli di cui non può fare a meno?

Nonostante tutti questi anni, non credo di aver ancora capito bene cosa sia essenziale o meno, per questo mi affido al Caso.

Le uniche cose che non devono mai mancare sono una penna e una matita, “tutto il resto è noooia” cit.
Il mondo è pieno di gente, colori, odori, ispirazioni e nuove suggestioni… Quindi è inutile tutto il resto. Ciò di cui ognuno ha davvero bisogno lo trova nel viaggio e lo porterà sempre dentro di sé da lì in poi.

Qual è la sua prossima destinazione?

Il mio frigorifero probabilmente, o il vostro, chi lo sa.
Sicuramente finirò il corso che sto frequentando e potrò definirmi un’ illustratrice al 100% anche sulla carta.
Porterò avanti questo mestiere tentando di non fossilizarmi su qualcosa di preciso; a Settembre infatti andrò a fare un corso di pasticceria cercando di arrivare a creare qualche connubio originale tra l’illustrazione ed il cibo.
Poi mi sta aspettando un corso per tatuaggi e uno per graphic motions.

Mi sento in vena per qualche perla di saggezza: ricordate, la strada giusta per un illustratore (o in generale per sé stessi) non è mai una uguale per tutti ma è semplicemente quella che si sente giusta…
Chissà cosa ci riserverà la vita.

Continua la galleria dell’Art Station con l’opera di Alyssa. Alla prossima!

 

Lascia un commento

*

Previous post Principe dei Draghi, Principe dell’Amore
Next post Appuntamento spaziale – The Outer Worlds