ArtStation

Reveal more

Tutti in stazione con Letizia Rizzo

Bentornati, signore e signori, all’Art Station!
Novembre è cominciato, mancano due mesi alla fine del 2019 e i nostri viaggiatori si affrettano a raggiungere le loro destinazioni, prima di dare il via ad un nuovo anno pieno di viaggi ancora da organizzare.

Oggi facciamo la conoscenza di Letizia Rizzo, munita del suo biglietto e pronta a partire!

Come si è preparato al viaggio?

Prepararsi per un viaggio è sempre la fase più difficile per me, senza stilare liste di cose da fare o da mettere in valigia non riuscirei a muovere un passo. Sicuramente tisane rilassanti, glitter e sketchbook non mi abbandonano mai! Dopo essermi diplomata al liceo artistico, ho frequentato per un anno l’accademia di belle arti della mia città, per poi approdare ad un corso triennale di fumetto e illustrazione e diversi workshop in giro per la penisola, che mi hanno dato le basi per intraprendere il percorso di illustratrice di libri per l’infanzia. Nel mentre mi sono anche diplomata in conservatorio, per cui per me disegno e musica sono fortemente collegati.

Quali sono i bagagli di cui non può fare a meno?

Mi circondo costantemente di libri, siano albi illustrati, fumetti, saggi o romanzi. La mia valigia finisce sempre per essere abbastanza caotica, e molto pesante, tra tazze di beveroni caldi, unicorni (ne possiedo una discreta collezione), penne colorate, to-do list e fogli volanti di ogni tipo. Quando lavoro la fase progettuale è quella che mi impegna maggiormente, lavoro in modo ossessivo fino ad ottenere un risultato che mi soddisfi per poi lasciarmi andare in fase di colorazione. Quello è il momento in cui la musica non manca mai, dal repertorio classico alle canzoni dei cartoni animati, e finisco per mettere su interi musical, con grande disappunto dei miei vicini!

Qual è la sua prossima destinazione?

Non so di preciso dove sia diretto il mio treno, sono in una fase in cui prendo ciò che viene, senza programmare troppo, godendomi il viaggio. Spero che il futuro mi riservi progetti sempre nuovi e stimolanti, che mi consentano di condividere anche solo un pizzico del mio immaginario e, magari, di trasmettere le stesse emozioni che ho sempre provato sfogliando un libro illustrato. Mi piacerebbe anche riavvicinarmi al fumetto, che negli ultimi anni ho totalmente abbandonato. Di sicuro continuerò a circondarmi di glitter e unicorni!

Continua la galleria dell’Art Station con l’opera di Letizia. Alla prossima!

 

 

Lascia un commento

*

Previous post She Hulk: cervello e muscoli
Next post Quello che nessuno ci ha insegnato