ArtStation

Reveal more

Tutti in stazione con Federica Tumminello

Bentornati, signore e signori, all’Art Station!
L’autunno è cominciato; ciò significa che è anche giunto il momento per una nuova intervista ad un illustratore ed intrepido viaggiatore.
Siete pronti a conoscerlo?

Chiediamo dunque il biglietto a Federica Tumminello.

Come si è preparato al viaggio?

Ho preso tutto il necessario (carta e penna, libri e una scorta di caffè) e l’ho messo nello zaino. Il mio bagaglio è sempre pronto per partire in cerca di nuove avventure: dopo l’Accademia di Belle Arti a Palermo, sono volata a Londra, dove sono rimasta per un anno e mi sono dedicata prevalentemente all’illustrazione tradizionale. Finita l’avventura inglese, sempre insieme al mio zaino, fido compagno di viaggio, sono finita a Torino, dove mi trovo tutt’ora. Prepararsi per un viaggio è una cosa che non si smette mai di fare, e io continuo sempre a tenermi pronta per la prossima tappa.

Quali sono i bagagli di cui non può fare a meno?

La mia lista potrebbe essere veramente lunga! Ma se devo limitarmi agli essenziali direi: un’agenda sui cui annotare le cose che mi passano per la testa, matite, una tazzina di caffè e un piccolo album di foto con le persone e i momenti speciali della mia vita. Il mio zaino di solito è abbastanza capiente da poter contenere anche libri e riviste che sono, per me, una fonte inesauribile di ispirazione e una boccata di aria fresca ad ogni giro di pagina. Amo particolarmente la fase iniziale della creazione di una tavola: mettere su carta le idee, fare uno schizzo, studiare i colori, costruire e disfare forme. Disegnare per me è come affrontare un viaggio che parte da un foglio bianco e finisce quasi sempre in una meta sconosciuta.

Qual è la sua prossima destinazione?

Il mio viaggio mi ha portato a conoscere nuove realtà che si discostano dall’illustrazione: infatti attualmente, accanto all’illustrazione, si è inserito anche il web design. Trovo che la cosa bella del viaggiare è che non sai mai cosa ti può aspettare alla prossima stazione, ma la curiosità ti spinge sempre a fare passi in avanti.

Continua la galleria dell’Art Station con l’opera di Federica. Alla prossima!

 

Lascia un commento

*

Previous post Fievel sbarca in America
Next post PoW: Un sacco di mostri da personalizzare