ArtStation

Reveal more

Tutti in stazione con Rachele Valli

Benvenuti, signore e signori, all’Art Station!
È Agosto, tutti (o quasi) sono già in vacanza o in partenza; abbiamo quindi l’occasione anche questo mese di incrociare nella nostra stazione una viaggiatrice intrepida che ci racconterà qualcosa su di sé e le sue prossime destinazioni!
Chiediamo il biglietto a Rachele Valli.

Come si è preparato al viaggio?

Spruzzando qua e là  polvere fatata gluten free sui miei bagagli, inserendo perfettamente nel mio zaino i vestiti e la scorta vitale di prodotti senza glutine, d’obbligo per chi come me è celiaco (celtico per gli amici). Ho frequentato il Liceo Artistico indirizzo arti figurative; dopo di che ho preso il famoso anno sabbatico per mettere da parte qualcosa e capire cosa volessi fare davvero. Ho dato un’occhiata all’Accademia di Brera ma ho realizzato che non aveva quello di cui avevo bisogno, così ho iniziato un corso specifico per l’illustrazione, concentrandomi sull’illustrazione per l’infanzia. Qui ho dunque scoperto quale fosse la mia vera passione e ho cercato di crescere il più possibile, anche grazie all’appoggio e al sostegno dei miei compagni di corso.

Quali sono i bagagli di cui non può fare a meno?

La sincerità e la schiettezza. Dico sempre ciò che penso e quando mi trattengo, il mio viso, che è molto espressivo e buffo, a volte parla per me! È quindi facile leggere quali siamo le mie emozioni. Adoro i cartoni della Disney che mi fanno sentire come se fossi ancora una bambina (nella vita sono molto responsabile), mi fanno sognare e credere che tutto è possibile quando ci metti tutto te stesso! Cerco di impegnarmi al massimo nelle mie illustrazioni e provo a trasmettere un po’ di quella magia che non dovrebbe mai mancare nelle nostre vite anche da adulti!

Qual è la sua prossima destinazione?

Vorrei imparare bene la mia seconda lingua, l’Ungherese, e collaborare con qualche casa editrice per realizzare un libro per l’infanzia. Ho in mente di creare dell’oggettistica con le mie illustrazioni, e chissà, magari potrei anche scoprire una cura alla celiachia!

Continua la galleria dell’Art Station con l’opera di Rachele. Alla prossima!

Lascia un commento

*

Previous post La stirpe delle sirene, tra realtà e sogno
Next post La morte di Fantàsia